C’è vita su Venere

0

C’è vita su Venere, li nell’atmosfera,dove la temperatura è più fresca

C’è vita su Venere, li nell’atmosfera,dove la temperatura è più fresca,e con questa nuova scoperta forse saremo in grado di capire il mistero di come la vita possa persistere in alto per centinaia di milioni o per meglio dire per miliardi di anni.

La maggior parte delle discussioni su una biosfera aerea negli strati temperati dell’atmosfera di Venere non affronta mai il problema se le piccole particelle microbiche di tipo vitale sono libere in liquido all’interno delle gocce di nubi.

”Noi sosteniamo che la vita deve risiedere all’interno di goccioline di liquido in modo da essere protetta da una fatale perdita netta di liquido nell’atmosfera, un problema inevitabile per qualsiasi forma di vita microbica che galleggia liberamente.

Tuttavia, l’habitat delle goccioline pone un limite alla vita: Le goccioline crescono inesorabilmente (nell’arco di pochi mesi) fino a raggiungere dimensioni sufficientemente grandi che sono costrette dalla gravità a depositarsi verso il basso in strati più caldi e inabitabili dell’atmosfera venusiana. (La frammentazione delle goccioline – che ridurrebbe le dimensioni delle particelle – non si verifica nelle condizioni dell’atmosfera venusiana).

Proponiamo per la prima volta che l’unico modo in cui la vita può sopravvivere a tempo indeterminato è con un ciclo di vita che comporta l’essiccazione della vita microbica mentre le goccioline liquide evaporano durante l’assestamento, con le piccole ‘spore’ essiccate che si fermano a, e parzialmente popolano, lo strato di nebbia inferiore stagnante dell’atmosfera di Venere (33-48 km di altitudine). Noi, quindi, chiamiamo lo strato di nebbia inferiore di Venere un ‘deposito’ per la vita microbica disidratata.

Le spore alla fine ritornano allo strato di nubi per diffusione verso l’alto causata dalla miscelazione indotta dalle onde di gravità, agiscono come nuclei di condensazione delle nubi e si reidratano per un ciclo di vita continuo. Esaminiamo anche le sfide per la vita nelle condizioni estremamente dure dell’atmosfera venusiana, rifiutando l’idea che lo strato di nubi ‘abitabile’ abbia un’analogia in qualsiasi ambiente terrestre”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.